LE CARTE DA POKER

Le carte anglofrancesi o da Poker hanno fatto la storia delle carte da gioco; ogni amante dei films western ha potuto apprezzare le file di assi che miracolosamente comparivano nelle mani di personaggi impersonificati da Terence Hill, Clint Eastwood e molti altri frequentatori di bische più o meno famosi.

Nei moltissimi films di poker che hanno fatto la storia del cinema (come accade anche nel Marchese del Grillo con le carte napoletane) accade di incontrare scene di bari con assi nelle maniche o intenti a passarsi le carte sotto al tavolo con ogni mezzo e astuzia, con la solita rissa di rito ad ogni scoperta dell'inganno durante il gioco.

Il mazzo è composto da 54 carte divise come segue:

  • Due Jolly, uno rosso ed uno nero.
  • Tredici carte per seme, dall'asso che vale uno fino al dieci con aggiunta del Jack Regina e King (nel gergo italiano chiamati "Jack donna e Kappa").
  • Quattro semi, di "picche", "cuori", "quadri", e "fiori".
Ogni seme conta quindi 13 carte (dall'uno al dieci più Jack Donna e Re). 13 carte moltiplicato i quattro semi fa 52 a cui si sommano i due jolly per un totale di 54 carte (i due jolly vengono regolarmente scartati nel gioco del poker texas hold'em ma non nel gioco del burraco).


Carte da Poker, anche note come carte francesi.

Nei giochi in cui i semi hanno un particolare valore (come accade in molti giochi praticati nei casinò) ossia in cui un seme comanda sull'altro, si usa sempre la scala di valore del Come Quando Fuori Piove.