IL CODICE DI CHITARRELLA, SCOPONE SCIENTIFICO E TRESSETTE.

Registrati e gioca GRATIS a tressette online.

Il codice di Chitarrella

Si tratta di un trattato scritto in latino e che spiega e regolamenta tutti i giochi di carte allora consciuti sul gioco dello scopone e del tressette, giochi ampiamente diffusi all'epoca della pubblicazione del documento e giunti fino a noi che li riteniamo validi ancora oggi.

In merito all'autore, identificato dagli storiografi con il sacerdote di Napoli di nome Marcello Chitarrella, (presunto monaco dell'ordine dei domenicani), non si hanno su di lui notizie biografiche certe.

Nel delineare le differenze concettuali e grafiche fra i mazzi di carte impiegati allora in Italia, concettualizzando il "confine" della val padana come confine tra i mazzi del sud e del nord Italia, il trattato propone un'indiretta ma importantissima testimonianza dell'ampia diffusione del gioco dello scopone scientifico già nell'anno 1750.

La circostanza, infatti, che un gioco decisamente non semplice e molto ricco di strategia e calcoli, fosse già in auge in una popolazione ancora in gran parte analfabeta, depone per l'antichità del medesimo.

Lo scopone scientifico, gioco praticato in origine nelle famiglie di alto rango, si sarebbe sviluppato nel tempo scendendo fino al volgo e agli strati meno abienti e meno colti della società, che ne avrebbero modificato a piacimento le norme regionalizzandolo.

Chitarrella decise quindi di restituire allo scopone la sua "purezza" ricostruendone il regolamento di base e le specifiche del corretto svolgimento della partita, individuando gli elementi essenziali del gioco.

Il codice di Chitarrella consta di 44 regole.